Archive for Alimentazione Naturale

Un po’ di storia della Alimentazione

Un po’ di storia della Alimentazione
alimentazione naturale

ALIMENTAZIONE NATURALE 
I nostri progenitori avevano selezionato i cibi più adatti allo sviluppo psicofisico, ed i cibi privilegiati erano la frutta, gli ortaggi, gli amidi, i cereali, le fecole, i cibi proteici, i grassi
Gli antichi mangiavano essenzialmente, semi come noci, nocciole, olive, frutta, grani di cereali di ogni tipo, semole, pane, gallette, miele, olio, ossa di animali, lische di pesci, miglio, farro, mele, pere, uva, bacche, frutti selvatici . Negli scavi, sotto le tribune del Colosseo, sono stati ritrovati resti di gusci di noci, nocciole, semi di zucca, melone, mela, fichi, uva, more, olive, resti analoghi sono stati ritrovati anche nelle tombe Etrusche. Gli Egizi, i Cinesi, i popoli orientali, gli Indiani, i Mesopotamici , i Greci mangiavano essenzialmente farro, orzo, riso, miglio, avena, segale Gli antichi pastori latini mangiavano ortaggi crudi per aprire lo stomaco, insieme ad una polenta fatta con un misto di cereali come il farro, l’orzo ed i miglio, come pane mangiavano un pane di orzo non lievitato. Le retribuzioni agi operai Egizi o Romani erano a base di orzo, cipolle, miglio, aglio, sale, pesce conservato, fichi, mandorle, birra. Il cibo proteico dell’epoca era a base di ceci, fave, lenticchie, lupini, semi oleosi, noci e mandorle, molto usato il miele grezzo usato come conservante anche per la carne e per il pesce. La carne nelle culture antiche era un cibo piuttosto raro, che restò spesso solo come un cibo rituale e celebrativo Le uniche popolazioni che si cibavano di carne regolarmente erano le popolazioni nomadi, gli Eschimesi, i Siberiani, gli Indiani del Nord America.
L’alimentazione era essenzialmente naturale, con cibi crudi e poco cotti.
La alimentazione naturale non è una invenzione di oggi, ma è patrimonio della storia dell’uomo.
Il modo di alimentarsi è comune nel mondo ad esempio le tortillas di mais dei Messicani, sono simili al chapati di grano, cereali e legumi dell’India, o alla carta da musica Sarda, o alle focacce d’orzo del Medio Oriente, o alla piadina romagnola, o alle gallette di manioca del Sud America o al pan di miglio delle tibù africane , o al pane azimo degli ebrei.

 La dieta primitiva dell’uomo era vegetariana, con grandi proporzioni di cibi amidacei integrali non lavorati. Ad un certo punto della storia la dieta cambia si mangiano troppo grassi, carne, oli, zuccheri, dolcificanti, e si diminuisce il consumo di frutta e verdura e cereali, così cominciano a comparire le malattie come l’obesità, il diabete, la costipazione, le emorroidi, le vene varicose, l’ appendicite, le malattie croniche degenerative, l’osteoartrosi, l’artrite reumatoide, la gotta, le malattie cardiache il cancro.
La disfunzione metabolica comporta obesità, gotta, diabete, calcoli renali, calcoli biliari.
Una disfunzione cardiovascolare comporta, malattie cardiache, ipertensione, infarto, vene varicose, trombosi, embolia polmonare:
Una disfunzione intestinale comporta costipazione, appendicite, diverticolite, emorroidi, cancro del colon, sindrome dell’intestino irritabile, colite ulcerosa, morbo di Crohn:
Altre patologie possono essere carie dentaria, anemia perniciosa, e disturbi cutanei.

 

Nel 1700 al posto del miele fu diffuso l’uso dello zucchero, proveniente dall’Oriente, ed introdotto il consumo della cioccolata e del caffè; le famiglie nobili cominciarono ad usare le farine raffinate, al posto di quelle integrali. Le farine bianche per la mancanza della crusca e del germe, erano di più facile conservazione e meno aggredibili da germi e parassiti Dall’1800 in poi con l’avvento della chimica e delle macchine i cibi sono stati via via più raffinati ed industrializzati, snaturandoli dei loro principi nutritivi in minerali, vitamine, oligoelementi, enzimi, acidi grassi, lieviti, batteri. Le colture subirono l’uso e l’abuso,  di concimi chimici sintetici ed antiparassitari, e l’uso indiscriminato di farmaci hanno evidenziato un aumento sempre più progressivo delle malattie di ogni tipo:  l’obesità diventa la malattia del XX secolo, in quanto il cibo così devitalizzato spinge a mangiare di più In più c’è da dire che i cibi, così manipolati sono tossici, sbilanciati e sono responsabili della insorgenza dei tumori e delle malattie cardiovascolari. Inoltre è essenzialmente nociva alla salute una vita sedentaria, la poca luce naturale, l’aria viziata, lo stress, i pasti irregolari

Annunci

Leave a comment »

Alimentazione e Malattia

Alimentazione e Malattia

Alimentazione Naturale 
Come alimentarsi in modo sano e naturale
L’alimentazione naturale e il rapporto fra alimentazione  malattia e salute.
Cibi nocivi, cibi sani e naturali, corrette combinazioni alimentari, alimentazione vegetariana, malattie e alimentazione.
Cibi nocivi alla salute, additivi chimici, pesticidi, coloranti, cibi acidi, cibi alcalini, cibi neutri, storia dell’alimentazione, alimentazione gli elementi nutritivi, vitamine, minerali, oligoelementi indispensabili alla salute e al benessere, alimentazione naturale salute, alimentazione e malattia, erbe per l’obesità, per dimagrire, per la cellulite, per la bellezza del corpo, erbe per perdere peso, erbe come antifame, erbe che aiutano il senso di sazietà, erbe per la fame ansiosa, erbe per l’ipotiroidismo, alghe, starter dimagranti, combinazioni alimentari corrette, la digestione, i processi digestivi, i processi metabolici, la stitichezza e l’alimentazione, problemi al colon, intestinali, colite e alimentazione, psoriasi, problemi di pelle e alimentazione, alimentazione sana, alimentazione biologica, alimentazione naturale e salute, obesità, cellulite, un aiuto dalle erbe, dalle vitamine, dai minerali, dagli oligoelementi, bibliografia testi e libri di alimentazione naturale sito ufficiale erboristeria ed altro, consulenze gratuite via e mail

Per fare un esempio, su come la alimentazione incida sulla salute, basta citare la carie, che non è considerata come malattia, ma che in realtà non può migliorare con l’assunzione di un  preparato al fluoro, finchè non si elimina dalla propria dieta il consumo dello zucchero bianco.Oggi si assiste alla insorgenza di malattie come i reumatismi, le allergie, le emorroidi, i fibromi, i polipi, l’ipertensione, tutte malattie che evidenziano uno scompenso immunitario, e che annunciano l’insorgenza di malattie più gravi come la poliartrite cronica evolutiva, la sclerosi a placche, l’infarto del miocardio, l’edema polmonare acuto, i tumori, l’Aids, e si fanno più rari di decessi per morte naturale.Il nostro organismo è composta da 10 mila miliardi di cellule, ogni cellula è composta da una MEMBRANA, da un PROTOPLASMAche è come una fabbrica chimica e che riceve i prodotti trasportati dal sangue ovvero medicine, agenti infettivi, nutrimenti ormoni…,   detta linfa, che li trasforma ed elimina il materiale di scarto all’esterno, e da un NUCLEO, dove risiede l’apparato di comando della cellula, portatore del codice genetico. Ogni cellula ha una vita indipendente ed in armonia con le altre cellule del nostro corpo. Riceve e trasmette informazioni grazie agli ormoni, la salute della cellula dipende dal rapporto tra l’ambiente esterno e le altre cellule. La malattia provocata essenzialmente da agenti esterni è essenzialmente dovuta al nostro modo di alimentarci, oppure da un puro squilibrio all’interno della cellula stessa. L’accumulo all’interno della cellula di scorie e tossine, inevitabilmente abbassa il sistema immunitario. Alimetarsi con cibi non naturali, comporta anche una alterazione nella funzionalità delle cellule In genere ci accorgiamo di uno stato  di pre-malattia attraverso gli organi preposti alla espulsione delle tossine, ovvero, la pelle, i polmoni, l’apparato urogenitale, il sangue e l’intestino, e quindi se si è in presenza di  disturbi digestivi come diarrea o costipazione, significa che qualcosa nel nostro organismo non va, ed è un importante segnale di allarme. Lo stress è un’altro segnale di allarme. Un alimentazione corretta permette di prevenire l’insorgenza di disturbi anche gravi,
Esiste una stretta corrispondenza tra lo stomaco ed il cervello, per la presenza dello stesso gruppo di ormoni, il cervello controlla la assunzione qualitativa  e quantitativa mentre la pancia per l’influenza del cibo assunto regola il sistema endocrino, immunitario, nervoso e del cervello. Secondo G. Sherrington il meccanismo nervoso è alla base della fame, ed è lo stomaco, con le sue contrazioni gastriche ad avvisare il cervello dello stimolo alla fame. Un dispendio calorico dovuto a stress o super lavoro fisico, o sport, o per ragioni emotive può indurre a mangiare di più e certi alimenti piuttosto che alti, oppure a chiudere lo stomaco.

ALLERGIE,  INTOLLERANZE   ALIMENTARI E MALATTIA

Ippocrate, medico greco del 460-377 a.C.,fu il primo ad individuare le allergie alimentari, osservò che il latte poteva provocare dei disturbi gastrici ed orticaria. L’ ALLERGIA si verifica quando l’organismo reagisce negativamente alla ingestione di un dato cibo. Le reazioni dipendono o dalla ingestione di una PROTEINA, o di un AMIDO o di altri componenti del cibo, come i COLORANTI, i CONSERVANTI, ADDITIVI CHIMICI ed altro. L’allergia alimentare si verifica quando la molecola di quel dato alimento agisce come antigene e si lega ad un anticorpo, formando le IgE, le immunoglobuline, queste si legano ad alcuni leucociti, i mastociti ed i basofili, e si innesca il rilascio di sostanze infiammatorie come l’istamina che provoca gonfiore ed infiamazione.
I seguenti sistomi possono essere causati da intolleranza alimentare o da allergia alimentare, o da  reazioni metaboliche :
stomatite, morbo celiaco, diarrea cronica, ulcera gastrica, gas, gastrite, colon irritabile, malassorbimento, colite ucerosa, enuresi, infezionicroniche della vescica, malattie renali, infezioni croniche e soprattutto otiti, ansia, depressione, iperattività, incapacità a concentrarsi, insonnia, irritabilità, confusione, cambiamenti di personalità, convulsioni, borsite, dolore articolare, dolore lombare, asma, bronchite cronica, dispepsia, segni neri sotto gli occhi, occhiaie allergiche, gonfiore sotto gli occhi, screpolature orizzontali nella palpebra inferiore, ritenzione idrica no legata al ciclo mestruale, ghiandole sempre gonfie. se si ha acne, eczema, herpes, prurito eruzioni cutanee, pulsazioni cardiache irregolari, edema, svenimenti, stanchezza, mal di testa, emicrania, ipoglicemia, pizzicolre al naso, alla gola, sinusite. Alle volte basta eliminare l’alimento che provoca intolleranza per guarire.

Alimentazione e Malattia secondo la Medicina Cinese

Se si consumano abitualmente, ed in dosi esagerate, cibi estremi come gelato, zucchero, frutta, noci tropicali, anacardi, arance, banane, fichi, kiwi, manghi, noce di cocco, noci del Brasile, papaya, pistacchio, pompelmi, meloni, cetrioli, lattuga, latticini, burro, formaggi, latte, maionese, panna, yogurth, docificanti, eccitanti come il cioccolato, le melasse, il miele, la saccarina, lo sciroppo di mais, gli alcolici e le spezie, le sostanze chimiche, i farmaci, le droghe, l’aspirina, il cortisone, secondo la medicina Cinese questi cibi sono estremamente Yin, e possono portare e malattie come l’asma, il cancro della gola, il cancro della mammella, l cancro della pelle, la colite, il diabete, l’enfisema, l’epilessia, ipersensibilità, la leucemia, , la meningite. Il morbo di Hodgkin, il nervosismo, la schizofrenia.

Mentre se si mangiano in eccesso cibi estremamente Yang come Le carni, il pollame, il pesce, il sale ed altri, si può incorrere in malattie come il cancro del colon, il cancro delle ossa, il cancro del pancreas, il cancro del retto, la gotta, il gozzo, l’itterizia, la paranoia, la rabbia, la rigidità, la ristrettezza mentale, la testardaggine, l’ulcera duodenale, malattie cardiovascolari.

Un accesso combinato dei due alimenti della categoria Yang o Yin potrebbe causare arteriosclerosi, calcoli biliari, cancro dei reni, cancro del fegato, cancro della vescica, cancro dell’utero, cancro del polmone, la distrofia muscolare, l’epatite, l’insicurezza, la irritabilità e l’uricemia,

Secondo la medicina Cinese, quindi il consumo eccessivo di questi cibi estremi, fa si che si diventi estremi e si viva in una condizione sbilanciata e di malattia, e bisogna anche ricordare che i cibi vanno preparati con cura e masticati a lungo. Gli alimenti che ingeriamo trasferiscono le loro qualità in colui che li consuma, e ci dovrebbero essere delle varianti dietetiche a seconda del sesso, dell’età, della predisposizione genetica a determinate malattie. Spesso si ignora che anche i problemi emotivi e mentali sono il risultato di una alimentazione sbagliata, la condizione della mente è determinata dalla condizione del corpo. Spesso le anomalie mentali sono il risultato di un regime dietetico squilibrato.

 

 

Leave a comment »

INTRODUZIONE ALIMENTAZIONE NATURALE

 Cibi nocivi alla salute, additivi chimici, pesticidi, coloranti, cibi acidi, cibi alcalini, cibi neutri, storia dell’alimentazione, alimentazione gli elementi nutritivi, vitamine, minerali, oligoelementi indispensabili alla salute e al benessere, alimentazione naturale salute, alimentazione e malattia, erbe per l’obesità, per dimagrire, per la cellulite, per la bellezza del corpo, erbe per perdere peso, erbe come antifame, erbe che aiutano il senso di sazietà, erbe per la fame ansiosa, erbe per l’ipotiroidismo, alghe, starter dimagranti, combinazioni alimentari corrette, la digestione, i processi digestivi, i processi metabolici, la stitichezza e l’alimentazione, problemi al colon, intestinali, colite e alimentazione, psoriasi, problemi di pelle e alimentazione, alimentazione sana, alimentazione biologica, alimentazione naturale e salute, obesità, cellulite, un aiuto dalle erbe, dalle vitamine, dai minerali, dagli oligoelementi, bibliografia testi  e libri di alimentazione naturale.

ALIMENTAZIONE NATURALE

INTRODUZIONE ALIMENTAZIONE NATURALE

La nostra salute è grandemente influenzata dal nostro modo di alimentarci, qualsiasi cibo ingeriamo, influisce sul nostro essere, sul corpo, sulla mente e sullo spirito, perché tutto è energia. Ippocrate, 460-377 a.C. considerava il cibo come la fondamentale medicina dell’uomo. Galeno, medico e farmacologo Greco 130-200 d.C. circa, sosteneva la stretta connessione tra “lo stato del cielo, la stagione dell’anno, la regione o il paese in cui ci si trova per determinare una diagnosi e stabilire una terapia” Purtroppo già nella antica Roma ci furono i detrattori di questa antica scienza fino ad arrivare al suo declino dopo la caduta dell’Impero Romano. Bisognerà arrivare al XVI secolo, per arrivare al recupero di questi antichi insegnamenti ad opera di Paracelso, il quale sosteneva il legame dell’uomo con l’Universo. Con il cibo, possiamo creare una alchimia che riequilibri ed armonizzi il corpo con le energie del Cosmo Il cibo rappresenta un legame tra noi e la natura, attraverso il cibo diamo nutrimento ed energia alle cellule del nostro corpo, le quali costruiscono, riparano distruggono, eliminano . Se ci nutriamo con alimenti non adatti , ne’ in qualità ne in quantità, si corre in rischio di provocare danni o accumuli di scorie nell’organismo, che a lungo termine il corpo non riesce a fronteggiare.
Adottando una alimentazione naturale si può fare in modo di prevenire le malattie. Gli alimenti da preferire dovrebbero essere quelli che ci forniscono tutte le sostanze e garantiscono il buon funzionamento dell’organismo, producendo al tempo stesso una costante disintossicazione dai residui tossici prodotti dal metabolismo. Dovremmo in linea generale, preferire i cibi integrali che contengono zuccheri polisaccaridi, facilmente assimilabili ed in grado di stimolare naturalmente la peristalsi intestinale, donano energia ed in più forniscono all’organismo vitamine e minerali.
Il passaggio da un regime alimentare tradizionale a quello naturale, richiede un adeguamento graduale.
Una ultima notazione, quasi tutte le malattie, infettive e degenerative, si possono guarire invece che alimentandosi con carne, zucchero bianco, riso bianco, farina bianca ed altri cibi raffinati, e trattati chimicamente, mangiando giornalmente  cereali e riso integrali,  verdure, legumi, alghe, soia e derivati della soia, semi, prodotti di stagione freschi e bio.

Alimentazione naturale, sana, biologica

Leave a comment »

CIBI NOCIVI – Alimentazione Naturale

 CIBI NOCIVI

Alimentazione Naturale 

Come alimentarsi in modo sano e naturale
L’alimentazione naturale e il rapporto fra alimentazione e salute.
Cibi nocivi, cibi sani e naturali, corrette combinazioni alimentari, alimentazione vegetariana, malattie e alimentazione.

Cibi nocivi alla salute, additivi chimici, pesticidi, coloranti, cibi acidi, cibi alcalini, cibi neutri, storia dell’alimentazione, alimentazione gli elementi nutritivi, vitamine, minerali, oligoelementi indispensabili alla salute e al benessere, alimentazione naturale salute, alimentazione e malattia, erbe per l’obesità, per dimagrire, per la cellulite, per la bellezza del corpo, erbe per perdere peso, erbe come antifame, erbe che aiutano il senso di sazietà, erbe per la fame ansiosa, erbe per l’ipotiroidismo, alghe, starter dimagranti, combinazioni alimentari corrette, la digestione, i processi digestivi, i processi metabolici, la stitichezza e l’alimentazione, problemi al colon, intestinali, colite e alimentazione, psoriasi, problemi di pelle e alimentazione, alimentazione sana, alimentazione biologica, alimentazione naturale e salute, obesità, cellulite, un aiuto dalle erbe, dalle vitamine, dai minerali, dagli oligoelementi, bibliografia testi e libri di alimentazione naturale.
sito ufficiale erboristeria ed altro, consulenze gratuite via e mail

CIBI NOCIVI, ALLA SALUTE, CIBI COLTIVATI CON PESTICIDI E ADDITIVI CHIMICI

I cibi che non ci fanno bene sono i vegetali coltivati con l’uso di pesticidi, con concimi chimici, raffinati, inquinati, manipolati industrialmente , e coltivati fuori stagione. Il pane e le paste alimentari alle quali siano stati aggiunti dei conservanti, i pesci e le carni in scatola, le carni allevate con ormoni, mangimi artificiali, antibiotici, farmaci,  alimenti manipolati con coloranti, tossine , i grassi e gli oli raffinati, gli oli estratti a caldo, o con solventi chimici, la pastorizzazione del latte e dei formaggi, l’aggiunta di additivi chimici. Fa anche male l’abuso di zuccheri bianchi, di dolciumi, di farine bianche e grassi idrogenati, non vanno bene nemmeno i cibi preparati artificialmente, surgelati, trattati e precotti., procedimenti che fanno perdere gli elementi nutritivi . L’unica cosa che possiamo fare è ridurre al minimo l’ingestione dei cibi trattati e scegliere quelli naturali a coltivazione biologica e cuocerli il meno possibile in quanto la cottura sottrae sostanze e nutrienti essenziali.

 

ALCUNE SIGLE DEGLI ADDITIVI CHIMICI

Sigle degli ADDITIVI CHIMICI  negli alimenti da E100 a E180 coloranti che in parte derivano dal petrolio e contengono tracce di solventi chimici provocano il cancro, da E200 a E290 conservanti acido sorbico e sorbati, alcuni si impiegano sulla crosta dei formaggi e sono silicati, cera, paraffina, calce, l’ E243 che è una paraffina che si mette sulla frutta secca spesso è difficilmente asportabile, il conservante più tossico è l’acido benzoico ed i benzoati che causano allergie e cancro, difenile e derivati usati nelle bucce della frutta comportano rischi per il fegato e per i reni nitriti e i nitrati che troviamo anche in alimenti come  il sedano, i ravanelli e le bietole,  sono nocivi anche per i globuli rossi e le nitrosammine provocano il cancro e sono presenti nelle carni e negli insaccati,. Gli antiossidanti da E300 a E 321, l’acido ascorbico e gli ascorbati, ad alte dosi provocano diarrea, carie, calcoli renali, i tocoferoli la vitamina E sintetica, l’acido citrico ed i citrati, a forti dosi causano macchie della pelle e disturbi renali, i fosfati e l’acido ortofosforico possono dare disturbi digestivi e sottrarre calcio alle ossa. L’E320 il BHT 321 butilidrossitoluolo e butilidrossitoluolo, usati come additivi negli olii e nei grassi, impiegati in panetteria e pasticceria per rendere croccanti il pane ed i biscotti possono demolire la vitamina D, provocano allergie ed elevano il tasso di colesterolo nel sangue.
Da E 322 a E 483 emulsionanti, stabilizzanti, addensanti e gelificanti. I gelificanti si usano nei dolci, nei gelati, nelle carni in scatola, provocano lievi disturbi digestivi Gli alginati che derivano dalle alghe come l’agar-agar la carragenite sono leggermente lassativi Il 407 il carragenite, sembra provocare  coliti ulceranti e cancro, le farine di semi di carrube e le gomme da 410 a 414 sono naturali La glicerina, le pectine, il sorbitolo, il mannitolo, non sono tossici ma ad alte dosi possono avere effetti lassativi I polifosfati usati nei formaggi fusi,  E450 enelle maionesi e nei gelati, decalcificano e neutralizzano alcuni enzimi digestivi e disturbano la digestione, provocando in alcuni casi anche occlusione intestinale
Gli Emulsionanti ed i Tensioattivi sono sostanze grasse che si usano per rendere friabili i prodotti da forno, da pasticceria, e da gelateria. Tutte le etichette che vanno dal 470 al 483 possono contenere queste sostanze che possono provocare disordini digestivi o calcoli renali.
Gli Aromatizzanti, sono indicati semplicemente come aromi naturali, e spesso derivano dal petrolio, l’acido glutamminico ed i glutammati si trovano nei dadi da brodo, nelle conserve di carne, nelle salse, e si usano molto nei ristoranti cinesi e giapponesi ed orientali, e provocano mal di testa e vertigini.
I Dolcificanti, sono tutti dannosi, come la saccarina ed i ciclammati, l’aspartame, la glicina, il glucosio, il fruttosio, il lattosio, il sorbitolo, il mannitolo, lo xilitolo, l’invertosio, l’isoglucosio, il maltosio, e tutti questi consumati a dosi eccessive hanno gli stessi inconvenienti dello zucchero bianco.
Ormoni, estrogeni, antibiotici, vitamine sintetiche, tranquillanti sono contenuti nelle carni e sono cancerogeni e provocano nei bambini fenomeni di iperattivismo, aggressività, dovuti appunto da una dieta carente in nutrienti, raffinata, tossica, provocano anche occhiaie scure, orecchie rosse, sguardo vitreo, disturbi addominali, mal di testa, dolori alle gambe, se si eliminano gli alimenti che contengono additivi si assiste alla scomparsa dei sintomi.

COLORANTI, uno dei più diffusi è la tartrazina, che viene aggiunta a tutti i cibi confezionati ed a molti medicinali, tra cui gli antistaminici, gli antibiotici, gli steroidi ed i sedativi, si possono avere fenomeni allergici specie nei soggetti sensibili alla aspirina, infatti la tartrazina insieme alla aspirina è un induttore di asma, orticaria specie nei bambini

 

Conservanti NON NOCIVI, E 200 acido sorbico estratto dalle bacche di sorbo, E 201-203 sorbato di sodio, di potassio, di calcio, E 260 acido acetico, E 261 – 263 acetato di potassio, diacetato di sodio, acetato di calcio, E 270 acido lattico, E 290 anidride carbonica

DOLCIFICANTI, i più comuni sono la saccarina e l’aspartame, la saccarina sembra essere cancerogena ed è usata nei farmaci, negli alimenti e nelle bibite. Mentre l’aspartame, che è un composto di acido aspartico, fenilalanina e metanolo, sembra che influenzi il tono dell’umore ed i comportamento  e che alteri la chimica cerebrale, inoltre il metanolo è un elemento altamente tossico, i sintomi da intossicazione sono convulsioni, emicranie, orticaria,  e disturbi della funzionalità nervosa

Da uno studio condottto dal Dottor Benjamin Feingold, sembra che i la iperattività eccessiva nei bambini, sia dovuta ad una sensibilità verso i coloranti ed i conservanti alimentari artificiali, ai salicilati ed ai composti fenolici presenti nei cibi. Pertanto possono presentarsi problemi nell’apprendimento e nel comportamento

Secondo la Medicina Cinese i cibi da evitare sono il pane bianco, il riso bianco, le patate, i pomodori, le melanzane, le verdure tropicali ad alto contenuto di potassio, la margarina, i formaggi salati, il parmigiano, il pecorino, tutti i prodotti contenenti dolcificanti, conservanti, sostanze chimiche e bibite gassate, le caramelle la pasta bianca, le uova, la carne, le spezie perché stimolano eccessivamente e provocano uno stato mentale disarmonico. I cibi cotti al forno, lievitati e raffinati, l’acqua del rubinetto

EVITARE i cibi CONSERVATI, e preferire alimenti freschi, biologici, assumere POCO SALE,   e preferire il sale integrale marino, o la polvere di alghe, l’eccesso di sale raffinato danneggia i reni, provoca ritenzione idrica , obesità, accumulo di tossine,   e demineralizzazione nell’organismo. Non usare lo ZUCCHERO BIANCO.   sostituirlo con poco zucchero integrale, no alle CARAMELLE, CIOCCOLATA e DOLCIUMI in genere,  sostituire la voglia di dolce con alimenti naturali zuccherini come il fico, l’uva, la banana, la albicocca, la mela, la pesca, la pera, purchè consumata   non a dosi eccessive e lontano dai pasti.
No ai SUCCHI DI FRUTTA INDUSTRIALI, no alle BIBITE GASSATE, coca cola e bibite zuccherate, il cui consumo può provocare diabete, ipoglicemia,  carie dentaria,, sotituirli con i succhi freschi.
No all’ALCOOL ed al TABACCO, no alle sostanze eccitanti come il CAFFE’ il TE’, che sono acidificanti e che a lungo andare logorano i surreni ed il pancreas,  no agli OLII INDUSTRIALI, ma preferire queli spremuti a freddo come olio di girasole, di ulivo, lino, germe di grano. No alle MARGARINE di SINTESI , soprattutto quelle vegetali, ricche di acidi grassi saturi dannosi alla salute, no al PANE BIANCO, ma preferire quello integrale in quanto ricco di fibre indispensabili per un corretto transito intestinale No ai BISCOTTI e PRODOTTI di PASTICCERIA INDUSTRIALE, è bene prepararseli da soli in casa con farine integrali, zucchero integrale e semi oleosi e frutta secca. LIMITARE al massimo il consumo di LATTE, FORMAGGI, GRASSI ANIMALI, CARNE, PANNA
Limitare anche il consumo della carne e del pesce, la carne dovrà essere biologica e poco cotta, al sangue, ed il pesce di certa provenienza e poco cotto, le uova cotte alla coque o crude, associate ai cereali e con pochissimo sale integrale o alghe. Si ai legumi, che vanno cotti a vapore lento o nella pentola a pressione. Evitare l’uso del micrroonde, una eccessiva cottura;  la frittura, la cottura a vapore degli alimenti sarebbe da preferirsi in quanto i cibi conservano le loro proprietà vitali ed il loro gusto.

Sigle dei coloranti  e antiossidanti NON NOCIVI, E100 curcumina, E101 lattoflavina o vitamina B2, E 140 clorofilla, E 153 carbone vegetale, E160  carotenoidi estratti dalle piante, E161 xantofille, E162  betanina estratta dalla barbabietola, E163 antociani estratti da frutta e verdura, E 300 acido ascorbico, E 301-304 derivati dell’acido ascorbico, E306 vitamina E naturale tocoferolo, E 307-309 tocoferolo di sintesi, E322 lecitine naturali estratte dalla soia e dal tuolo d’uovo, E 330 acidi citrico di sintesi, E 331-333 citrati, E 334 acido tartarico di sintesi E-335-337 tartrati

Leave a comment »